fbpx
Stiamo caricando

SOSPESO // Farfalle

Teatro delle Passioni

A proposito di questo spettacolo

Farfalle, il testo di Emanuele Aldrovandi vincitore del Premio Hystrio 2015 e del Mario Fratti Award 2016, dopo essere andato in scena a New York con la regia di Jay Stern, debutta a Bologna nella sua versione italiana. A firmare la regia è lo stesso autore che dirige Bruna Rossi e Giorgia Senesi in una produzione di Associazione Teatrale Autori Vivi – compagnia nata con l’obiettivo di mettere la drammaturgia contemporanea al centro del processo di creazione di uno spettacolo –, Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro Elfo Puccini. 

Un gioco fra sorelle: quando l’esperienza ci insegna cose opposte.
“È difficile raccontare di cosa parla un testo, e forse è ancora più difficile sapere quali siano state le esigenze che ti hanno portato a scriverlo. Per Farfalle ne posso ipotizzare almeno tre. La prima, iniziale, era la volontà di mettermi alla prova cimentandomi con la scrittura di personaggi femminili complessi. I testi che avevo scritto fino a quel momento avevano sempre un protagonista maschile, o al massimo una coppia di protagonisti uomo-donna, perciò la sfida che avevo in testa da un po’ era quella di provare a raccontare in modo profondo e credibile “la storia di due possibili donne”. Così nel 2013, partendo come riferimento da alcune novelle di Pirandello, ho iniziato a scrivere di queste due sorelle, una bionda e una mora, e del gioco che le ha unite fin da quando, piccolissime, sono state abbandonate sia dalla madre (che si è suicidata), sia dal padre (che è fuggito all’estero con un’altra donna). Ne è uscito il racconto della crescita personale di due donne che, attraverso errori, scelte inaspettate e avvenimenti imprevisti, acquisiscono una sempre maggiore consapevolezza di sé stesse e finiscono per diventare molto diverse dalle ragazzine che erano. Il loro percorso è opposto, quasi complementare, e il cambiamento che vivono le porta prima ad allontanarsi e poi perfino a scontrarsi. E qui, a posteriori, mi rendo conto che è subentrata la seconda esigenza, cioè quella di riflettere sul valore dell’esperienza. Il mondo è pieno di persone che dispensano consigli in base al loro vissuto personale, e tutta la nostra cultura è fondata sull’idea che la conoscenza – scientifica, culturale, esperienziale e perfino emotiva – si possa diffondere o tramandare. […] Volevo concentrarmi sul raccontare due donne che hanno già vissuto, che hanno già provato a capire e a capirsi, che non ci sono riuscite eppure, in un qualche modo che trascende i confini dello spazio e del tempo, sono ancora unite. Per lo stesso motivo ho deciso di ignorare la didascalia che io stesso avevo scritto […] Ho preferito trasferire il legame conflittuale delle due sorelle anche sul piano della sfida interpretativa: ognuna interpreta dei personaggi e cerca di essere “migliore” della sorella, ma allo stesso tempo partecipa a un gioco che non potrebbe esistere, senza l’altra. Conflitto e legame sono due cose indissolubili…”

Emanuele Aldrovandi

 

Il testo dello spettacolo Farfalle è pubblicato nella collana Linea di ERT Fondazione e Luca Sossella Editore.

Per la tessitura drammaturgica di un testo capace di mantenere alta l’attenzione, ma anche di emozionare con barlumi di poesia. Per la bellezza di due personaggi femminili credibili, a tutto tondo, sapientemente tratteggiati con gusto contemporaneo. Ma anche per un realismo un po’ magico che lo trasforma in una curiosa favola nera dove i giochi sono crudeli e la bontà ambigua. (Motivazione del Premio Hystrio 2015)

durata 1 ora e 10 minuti


Leggi l’intervista a Emanuele Aldrovandi a cura di Enrico Bollini, Luca D’Arrigo, Daniele Pellegrini, Veronica Tinnirello, Davide Tortorelli, Verdiana Vono, allievi del corso Perfezionamento Dramaturg Internazionale, nell’ambito dell’operazione “Per un sistema internazionale: Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro” Rif. PA 2018-9877/RER, approvata con DGR 1208/2018 del 30/07/2018 e cofinanziata da Fondo Sociale Europeo, (Progetto 3).


 

Note

Consigli di lettura dalla Biblioteca Delfini:

  • Lidia Ravera, Sorelle, Rizzoli 2006
  • Adalbert Stifter, Due sorelle, Adelphi 2002

Dati artistici

testo e regia Emanuele Aldrovandi
con Bruna Rossi e Giorgia Senesi
scene e grafiche CMP design
costumi Costanza Maramotti
luci Vincent Longuemare

suoni Riccardo Caspani
movimenti Olimpia Fortuni
design farfalle Laura Cadelo Bertrand
assistente alla regia Valeria Fornoni
responsabile tecnico Luca Serafini
produzione Associazione Teatrale Autori Vivi, Teatro Elfo Puccini, Emilia Romagna Teatro Fondazione
in collaborazione con L’arboreto Teatro Dimora | La Corte Ospitale: Centro di Residenza Emilia-Romagna
in collaborazione con Big Nose Production
con il sostegno di Centro di Residenza della Toscana (CapoTrave/Kilowatt e Armunia)
con il sostengo di Fondazione I Teatri Reggio Emilia

testo vincitore del Premio Hystrio scritture di scena 2015
testo vincitore del Mario Fratti Award 2016

foto di Francesco Calzolari

una produzione di SOSPESO // Farfalle • Produzione Emilia Romagna Teatro

Video

Trailer

Ancora più Teatro?

Questo spettacolo è parte dei seguenti abbonamenti:

Prosa 12

Notizie utili

Teatro delle Passioni
07/03/2020
h 21:00
Un'occasione per dialogare con gli artisti delle compagnie, in un'atmosfera informale e di prossimità.  Per condividere punti di vista, raccogliere...

Se ti piace SOSPESO // Farfalle ti suggeriamo anche:

dal 31/03/2020
al 11/04/2020
Teatro delle Passioni
Il rapporto tra poesia e rivolta, tra rivoluzione sociale ed estetica, tra avanguardie storiche e arte contemporanea
dal 03/03/2020
al 08/03/2020
Teatro delle Passioni
Una favola nera fra Milano, Palermo e New York. Un gioco divertente e crudele. Un legame che non può essere spezzato.

Quando la vita ti viene a trovare

Dialogo tra Lucrezio e Seneca
24/03/2020
Teatro delle Passioni
L’incontro tra Lucrezio e Seneca: è meglio la politica o l’antipolitica? Le leggi universali o personali? Un dialogo attualissimo
dal 18/01/2020
al 19/01/2020
Teatro delle Passioni
Penthotal, Zanardi, Pertini: Andrea Santonastaso, attore e fumettista, racconta e disegna l’arte e il genio di Andrea Pazienza.
24/04/2020
Teatro Storchi
Manipolando gli strumenti democratici, si può rendere fascista un intero paese, senza nemmeno pronunciare mai la parola “fascismo”.