Stiamo caricando

La maschia

Teatro delle Passioni

A proposito di questo spettacolo

Una mattina la signora H si sveglia e scopre che sta diventando… un uomo! La Metamorfosi di Kafka ritorna nella nostra epoca, e si infila tra i confini sempre più incerti dell’identità di genere, trasformandosi da incubo claustrofobico a irresistibile commedia, che mette in rotta di collisione il maschile e il femminile; o meglio, che racconta con occhi femminili la psiche e il corpo maschili trasformati in qualcosa che ha a che fare più con uno scarafaggio che non con un macho.
Andrea Adriatico gioca sul filo dell’identità di genere confrontandosi con l’opera di Claire Dowie, protagonista della stand-up comedy inglese. A incarnare la signora H è Olga Durano, travolgente attrice comica sin dai tempi di Drive In. Accanto a lei ci sono Patrizia Bernardi, tra i fondatori della compagnia riflessi e di Teatri di Vita, e tra gli artefici della rinascita culturale de L’Aquila, e Alexandra Florentina Florea, cantante e attrice, vincitrice del Premio Scenario per Ustica 2017 con lo spettacolo I Veryferici.

Note

Consigli dalla Biblioteca Delfini: 

  • Copi, L’omosessuale o la difficoltà di esprimersi in Teatro, Ubulibri 1988
  • Elfriede Jelinek, Sport. Una pièce; Fa niente; Una piccola trilogia della morte, Ubulibri 1989
  • Bernard Koltes, Quai ouest in Il ritorno al deserto e altri testi, Ubulibri 1991

Dati artistici

di Claire Dowie
versione italiana Stefano Casi
uno spettacolo Andrea Adriatico
con Olga Durano Patrizia Bernardi Alexandra Florentina Florea
scene e costumi Giovanni Santecchia
cura organizzativa Saverio Peschechera
produzione Teatri di Vita
con il sostegno di Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

foto di Michele Tomaiuoli

Se ti piace La maschia ti suggeriamo anche:

dal 28/03/2019
al 30/03/2019
Teatro delle Passioni
Una riflessione sul rapporto tra padri e figli declinata in modo originale e coinvolgente
dal 08/12/2018
al 15/12/2018
Teatro delle Passioni
Un grande gioco metaforico per capire i rapporti tra l’Afghanistan e l’Occidente dal 1842 ai giorni nostri
dal 18/10/2018
al 21/10/2018
Teatro Storchi
Alessandro Gassmann dirige Fronte del porto ambientandolo nella Napoli dei primi anni ‘80
dal 27/11/2018
al 02/12/2018
Teatro delle Passioni
Sullo sfondo di una società malata, priva di margini d’immaginazione, Quasi niente ci parla
dal 04/04/2019
al 07/04/2019
Teatro Storchi
La commedia di Goldoni incentrata sul tema del conflitto e della guerra come gioco di interessi e potere