Stiamo caricando

Afghanistan / Maratona

Teatro delle Passioni

A proposito di questo spettacolo

The Great Game – Afghanistan è un affresco teatrale diviso in 13 stazioni che il Tricycle Theatre di Londra ha commissionato ad altrettanti autori per raccontare il rapporto complesso e quasi sempre fallimentare che l’Occidente ha avuto con l’Afghanistan, stato che per la sua posizione geografica ha da sempre rivestito un’importanza strategica fondamentale nello scacchiere mondiale. Il progetto ha debuttato nell’aprile 2009 e ha riempito le sale per tre mesi, elogiato dal Daily Telegraph, per il quale era “in cima alla lista dei migliori spettacoli dell’anno”, come dal Guardian: “qualcosa di importante è accaduta al Tricycle dove la storia e la cultura dell’Afganistan sono state portate in scena in un modo emozionante e provocatorio”.

Afghanistan: il grande gioco (Parte prima) + Afghanistan: enduring freedom (Seconda Parte)

 

Dati artistici

di Lee Blessing, David Greig, Ron Hutchinson, Stephen Jeffreys, Joy Wilkinson, Richard Bean, Ben Ockrent, Simon Stephens, Colin Teevan, Naomi Wallace
regia Ferdinando Bruni e Elio De Capitani
co-produzione TEATRO DELL'ELFO e EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
in collaborazione con Napoli Teatro Festival

Se ti piace Afghanistan / Maratona ti suggeriamo anche:

16/03/2019
Teatro delle Passioni
Fanny & Alexander porta in scena la storia delle amiche geniali Elena e Lila che ha appassionato il mondo intero
dal 17/01/2019
al 20/01/2019
Teatro Storchi
Intrighi, corruzione e brama di potere in una corte del Seicento spaventosamente contemporanea
dal 21/12/2018
al 22/12/2018
Teatro Storchi
Un vitale e disordinato mosaico, un incastro di racconti tutti diversi, ma parte di una comune grande narrazione
dal 08/12/2018
al 15/12/2018
Teatro delle Passioni
Un grande gioco metaforico per capire i rapporti tra l’Afghanistan e l’Occidente dal 1842 ai giorni nostri
dal 06/11/2018
al 11/11/2018
Teatro delle Passioni
L’incontro coi poetici clochard creati da Franco Scaldati, autore palermitano recentemente scomparso